Articles

Ieri


Nel 1883, come testimonia la data incisa sul pozzo del giardino, viene costruita la casa di Cercina, che ospita oggi il "Piccolo Trianon", da Giustino e Carolina Borrani che provenivano dall'Antella. Lui faceva il sensale e per un periodo il fattore al vicino Castello di Castiglioni. In seguito avviò una minuscola attività di ristorazione, se cosi si può definire: lo spaccio alimentare affidato a Carolina che due o tre volte l'anno, in occassioni speciali, come battute di caccia o feste in campagna, faceva anche da mangiare. E già allora si segnala il pollo fritto, un piatto tramandato fino a divenire una ghiotta specialità da più di cento anni. Giustino e Carolina ebbero quattro figli, due maschi e due femmine. Dopo varie traversie familiari questa parte della casa fu riscattata da Giuseppe: uno dei figli dei Borrani. Nel 1920 Giustino morì e poco dopo nacque un nipote, figlio di Giuseppe a cui fu dato il nome del nonno, ma tutti lo chiamavano Nanni. Giunse la seconda guerra mondiale e Nanni dovette andare a combattere. Tornato a casa nei primi anni '50, dopo la prigionia in Sud Africa e Scozia, trovò la sorella con la mamma vedova e molti problemi finanziari. Si mise a fare il falegname e lavorò un paio d'anni alla Galileo mentre le due donne tiravano avanti la mescita del vino, le merende, la vendita degli alimentari e dei tabacchi.

Oggi


Nel '49 Nanni si sposò con Luisa e cominciò un nuovo periodo. Costruì con le sue mani un piazzale di graniglia dove feste da ballo attiravano gente a mangiare nel suo piccolo locale, ma il vero boom arrivò negli anni '60 e per i vent'anni successivi tutti lavorarono ad un ritmo incredibile. Intanto Ornella, unica figlia di Nanni e Luisa si inserì nell'attività, portata avanti dai genitori e dagli zii. Alcuni problemi di salute convinsero Nanni a lasciare il lavoro e gli subentrò il genero Claudio, che con la moglie Ornella, la figlia Francesca e il genero Daniele, proseguono quelle che ormai è un vero e proprio ristorante; un accogliente ambiente ristrutturato che ha mantenuto l'impronta rustica, la cucina casalinga toscana tra i quali il fritto è un'istituzione e l'amore per le tradizioni familiari: ne è un esempio la bacheca che "racconta" la storia di famiglia tramite antiche foto e preziosi documenti, come il conto di 28 lire per il pasto di 17 cacciatori, datato 1903. Infine una curiosità circa questo nome: "Piccolo Trianon" fu proposto da alcuni viaggiatori parigini che sostarono ospiti agli inizi del secolo in alcune delle stanze che Giustino e Carolina affittavano.
La casa dell'epoca assomigliava ad una rustica colonica, che gli avventori d'oltralpe paragonarono ad una delle tante fattorie immerse nel parco della Reggia di Versailles e di pertinenza al "Grande Trianon". Cosi furono proprio loro a suggerire il nome del locale.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information